Recuperare la lana usata di vecchi maglioni

È molto semplice recuperare la lana di vecchi maglioni, o di altri lavori a maglia che non ci piacciono più. In questo tutorial vi faccio vedere il metodo che uso per distendere e rigenerare il filato, facendolo tornare quanto possibile “come nuovo”. Al termine del procedimento si potrà riusare la lana per un nuovo, bellissimo, lavoro a maglia.

Il metodo del lavaggio della lana

Il metodo del lavaggio è certamente quello che preferisco per recuperare la lana usata, perché è:

  1. facile;
  2. veloce;
  3. perfetto per lunghezze maggiori (es. gomitoli interi/mezzi e matasse).

 

Come si recupera la lana con il metodo del lavaggio

Consigli per una migliore riuscita

Il procedimento del lavaggio della lana è talmente semplice che c’è bisogno solamente di utilizzare delle accortezze:

  • Per filati di media lunghezza (fino a 125/150m): si possono creare le matasse avvolgendo il filato tra il palmo della mano e il gomito.
  • Per filati di maggiore lunghezza (oltre i 125/150m): bisogna creare delle matasse più lunghe, anche il doppio, altrimenti sono troppo spesse per asciugarsi completamente. Se disponibile, utilizzare un arcolaio.
  • Legare le matasse utilizzando del filo bianco o neutro, che non perda colore.
  • Legare le matasse lasciando lo spazio di almeno un dito.
  • Nel lavaggio e nel risciacquo smuovere delicatamente le matasse tenendole per il filo che le lega, questo aiuterà a distendere il filato.
  • Non strizzare la lana. Tamponarla con un asciugamano per rimuovere l’acqua in eccesso, così non si danneggerà.
  • Usare l’asciugamano per raccogliere l’acqua che si accumula nella parte bassa della matassa appesa.
  • Per un’asciugatura completa e uniforme, spostare la posizione del filo, facendolo scorrere verso il punto opposto. Lasciare asciugare.

Quando le matasse saranno completamente asciutte, potrete aggomitolarle ed iniziare il vostro nuovo lavoro a maglia.

Spero che questo breve tutorial su come recuperare la lana vecchia/usata vi possa essere utile. Per qualsiasi chiarimento o suggerimento potete lasciare un commento, grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *